Ripartizione dei consumi
Ripartizione dei consumi

Ripartizione dei consumi

Ripartizione dei consumi

Contabilizzazione e termoregolazione del calore negli edifici condominiali e polifunzionali - Norma uni 10200

La contabilizzazione e termoregolazione del calore è un intervento di efficientamento energetico che migliora il rendimento di regolazione dell'impianto e permette di suddividere corettamente le spese per il riscaldamento, il raffrescamento e l'acqua calda sanitaria in tutti quegli edifici serviti da un'unica centrale termica. Questo obbligo è particolarmente importante per l'impatto che potrebbe avere sulla gestione del servizio di riscaldamento degli edifici, in particolare quelli residenziali organizzati in condomini. Una importante novità riguarda la consapevolezza che gli utilizzatori finali dovrebbero raggiungere riguardo ai loro consumi, alle condizioni energetiche della singola unità immobiliare e del fabbricato a cui appartengono. Con la contabilizzazione del calore ogni condomino paga quanto consuma e quindi la bolletta verrà calcolata in base al fabbisogno di riscaldamento della sua abitazione ed in base alla sua scelta di temperatura preferita. La contabilizzazione unisce i vantaggi di una caldaia unica con la possibilità di decidere in autonomia quanto e quando riscaldarsi. Dal 1 gennaio 2017 vige l'obbligo per i condomini e gli edifici polifunzionali di contabilizzare i consumi di riscaldamento secondo la norma tecnica UNI 10200:2015.

OBBLIGO: entro il 31 dicembre 2016 tutti i condomini con riscaldamento centralizzato dovranno dotarsi di un sistema di contabilizzazione del calore. L'obbligo viene introdotto dal D. Lgs 102/2014 con l'obiettivo di diminuire i consumi energetici per il riscaldamento degli edifici attraverso una corretta ripartizione delle spese e una maggiore consapevolezza dei consumatori. Il D. Lgs 102/2014 è lo stesso che obbliga le grandi aziende e le imprese a forte consumo di energia ad effettuare la diagnosi energetica.
Le singole unità immobiliari dovranno essere dotate, nella maggior parte dei casi direttamente su OGNI radiatore, di strumenti di lettura (ripartitori) per monitorare il calore usufruito (kw/h).

La suddivisione delle spese per il riscaldamento tra i condomini non avverrà più con le tradizionali tabelle millesimali di proprietà ma dipenderà dall'effettivo consumo richiesto. Infatti fino ad oggi le spese del riscaldamento centralizzato (consumi, manutenzione ordinaria e straordinaria) sono state ripartite sulla base dei millesimi di proprietà, a parte i casi in cui risulta installato un sistema di contabilizzazione del calore secondo la procedura definita dalla norma UNI 10200. In questi casi le spese del riscaldamento sono suddivise in consumi volontari (misurati dai contabilizzatori) ed in consumi involontari. Viene redatta una specifica tabella millesimale del riscaldamento con cui vengono suddivisi i consumi involontari, che derivano essenzialmente dalle perdite della rete di distribuzione, e le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria. Chi dovesse essere distaccato dall'impianto centralizzato dovrà comunque pagare le spese involontarie secondo la tabella millesimale del riscaldamento.

Contabilizzazione diretta e indiretta

La contabilizzazione viene effettutata con due metodi a seconda che l'impianto sia a colonne montanti o a distribuzione orizzontale.

CONTABILIZZAZIONE DIRETTA
La diretta si applica negli appartamenti che hanno un unico punto di ingresso del fluido termovettore il quale viene ditribuito con un circuito "orizzontale". In questo caso è sufficiente conteggiare una sola volta il calore che entra nell'appartamento. Questo tipo di impianto è più raro rispetto a quello della contabilizzazione indiretta.

CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA
In questo tipo di impianto i radiatori vengono serviti da diverse colonne montanti che corrono dal piano terra fino all'ultimo piano delle'edificio. La contabilizzazione viene quindi effettuata montando sui singoli radiatori dei ripartitori che leggono la temperatura superficiale del radiatore e la temperatura dell'aria. In questo modo i dati permetttono di capire quanto ogni appartamento consuma in proporzione al totale dell'edificio.

Contabilizzazione diretta e indiretta
Contabilizzazione diretta e indiretta

Ripartizione dei consumi secondo la norma UNI 10200:2015

La UNI 10200:2015 stabilisce i principi per una corretta ripartizione delle spese per il riscaldamento invernale ed eventualmente l'acqua sanitaria e il raffrescamento. E' stata approvata il giorno 11 giugno 2015 e la prima versione della norma tecnica risale al 2005. Con l'ultimo aggiornamento è stata introdotta una importante novità sul metodo di calcolo delle tabelle millesimali del riscaldamento che deve essere fatto sulla base del fabbisogno termico di ogni unità immobiliare, quindi in base alla classe di efficienza energetica.
Questa importante novità, a cui devono aggiornarsi anche i condomini già adotati di un sistema di contabilizzazione ma che non ripartiscono i consumi secondo la UNI 10200:2015 pone maggiore attenzione all'efficienza energetica degli edifici e delle singole unità immobiliari e presuppone la realizzazione di una diagnosi energetica del fabbricato, che analizzi possibili interventi di efficientamento.
Vengono individutate due quote da ripartire: la quota fissa e quella variabile.

Quota fissa: è quella parte di consumo INVOLONTARIA che riguarda le perdite di distribuzione dell'impianto e le spese di gestione e manutenzione che vengono ripartite sulla base delle tabelle millesimali calcolate secondo la UNI 10200:2015.

Quota variabile: è quella parte di consumo VOLONTARIA che dipende dal singolo condomino che sceglie di accendere il riscaldamento e che imposta attraverso le valvole termostatiche la temperatura desiderata.

La F.lli DINI svolge esclusivamente la fornitura e realtiva installazione del sistema di contabilizzazione e eventuali contatori di energia e adeguamento presso la Centrale Termica espressamente richiesti dalla progettazione.
TUTTE LE PRATICHE PROGETTUALI quali analisi del sistema, diagnosi e certificazione
energetica, progettazione impianto di contabilizzazione, modelli di calcolo per la ripartizione delle spese in relazione alla UNI 10200 SARANNO ESEGUITE A CURA DI UN TERMOTECNICO ABILITATO NOMINATO DAL CONDOMINIO.

F.lli Dini
F.lli Dini
Azienda Certificata ISO 9001:2015
Azienda Certificata n° 2365. | Scarica il PDF
Tel.

F.lli Dini

019 695 205
(4 linee r.a.)

Fax+39 019 681 888

fratellidini@tin.it

Seguici su

Via per Calice, 42/b
17024 Finale Ligure (SV)
visualizza mappa

ORARIO Lunedì - venerdì 9 - 12 / 15 - 18 Sabato (reperibilità) 9 - 17 Domenica (Solo in inverno, reperibilità) 9 - 11

F.lli Dini di Dini F. & c. snc artigiana | Via per Calice, 42/b - 17024 Finale Ligure | P.IVA/C.F. 01154540098 | Cookies | Privacy
Grafica, webdesign e seo: Studio Orasis design